PERCEPIRE LE EMOZIONI

cioè sentire che il corpo si attiva. Te ne accorgi? Per esempio ci sono giorni in cui, mentre torni a casa la sera,  ripensi al collega che ti ha trattato male, poi per strada uno ti insulta ingiustamente al semaforo, e quando infine arrivi, scopri che il vicino ha parcheggiato dove non poteva. Entri in casa e appena chi vive con te ti dice una parola di troppo, scoppi. Te ne eri accorto che i fastidi vari avevano attivato nel tuo corpo la rabbia? Percepire un'emozione quando emerge, è utile perché puoi fare qualcosa per non alimentarla e, quindi, "disinnescarla". Molti esercizi del laboratorio sono di percezione: cosa provi? In quale parte del corpo? Molti partecipanti all'inizio rispondono: bho? Alla fine del lab sanno percepire in maniera più precisa come il proprio corpo si è attivato.

ACCOGLIERE LE EMOZIONI

nella nostra testa risuonano mille voci registrate: non essere triste, non ti arrabbiare, non essere geloso, non ti innamorare, non ti preoccupare, non avere paura, non sbagliare...! Ma le emozioni sorgono in maniera spontanea. Posso evitare che sorgano? No, ma puoi accoglierle, accettare che arrivino senza rifiutare, senza giudicarle subito. E dopo, puoi decidere che farne:  comunicarle, tenerle per te, non assecondarle, farti trascinare... Nel lab ognuno costruisce dentro di sé uno spazio di accoglienza, lontano dagli occhi e dal giudizio altrui, per accogliere le proprie emozioni e dare loro il permesso di esistere.

COMUNICARE LE EMOZIONI

sai dire agli altri cosa provi? A volte non si riesce, perché in famiglia non è stato insegnato. A volte si comunicano le emo gradevoli, sulle altre si tace. Oppure si esprimono, ed i rapporti si rompono. È possibile comunicare in autenticità all'altro cosa proviamo, senza litigare? SÌ!! Nel lab imparerai un metodo molto efficace su questo!

Il laboratorio di Intelligenza emotiva
si svolge il  giovedì, dalle 21,00 alle 23,00

a cura di Luce Counselor
"Il mio percorso formativo è come un albero: il liceo classico e i 5 anni di laurea umanistica sono le radici; i 2 anni di specializzazione post laurea, un tronco laterale che è stato potato; gli 8 anni di teatro e lavoro su corpo/mente sono il tronco principale; i 3 anni di Master in Gestalt Counseling, i rami; i miei laboratori, i fiori".

Laboratorio di Intelligenza Emotiva

Cosa vogliono dire le tue emozioni? Perché una persona ti fa arrabbiare, piuttosto che intristire? Perché provi ansia in una certa situazione? Sei soddisfatto di come gestisci la tua rabbia, o ogni volta che affronti un conflitto hai un nodo allo stomaco per ore? Questo laboratorio è dedicato all'intelligenza emotiva, ovvero alla capacità di vivere le proprie emozioni sotto diversi aspetti:

RICONOSCERE LE EMOZIONI

a volte pensi che sei arrabbiato con un tuo amico, mentre in realtà sei disorientato da ciò che fa. Oppure pensi che odi il capo, invece ne sei deluso. È importante riconoscere quale emozione proviamo, perché ogni emozione porta un messaggio diverso, e il corpo, emozionandosi, si attiva per dirti una cosa... E se tu non ne capisci il messaggio, vivrai le tue emozioni come una barca in preda alle onde dell'oceano: qua e là, su e giù, senza direzione. Alla fine del lab saprai decriptare il messaggio che ti porta un'emozione.

GESTIRE LE EMOZIONI

non possiamo decidere se provare le emozioni: emergono da sole. Tanto che alcuni preferiscono sottrarsi a chi provoca queste emozioni ingestibili: interrompi le amicizie che ti fanno stare male, non parli più con chi la pensa diversamente da te, non prendi più l'aereo, non vai alla festa perché ti vergogni... Ma se non possiamo impedire alle emozioni di sorgere, possiamo però gestirle! Il lab suggerisce e fa sperimentare vari modi per non soccombere alle emozioni, affinché si possa tornare a vivere nella realtà che ci circonda, e non nel segmento di mondo che ci siamo ritagliati per stare meno male.

TEORIE E PRATICA

Il percorso si basa soprattutto sugli studi di Daniel Goleman, un famoso psicologo che negli anni Novanta scrisse un libro che diffuse il concetto di Intelligenza Emotiva. Il sottotitolo del libro era: "Che cos'è e come può renderci felici". Ispirato a questo sottotitolo, il lab ha un taglio pratico esperienziale: non è un corso teorico; in primo piano c’è la sperimentazione di emozioni, tramite esercizi, a cui poi segue un lavoro su ciò che è emerso. Molti esercizi vengono tratti dal mondo teatrale.

Questa è l'8a edizione del laboratorio di intelligenza emotiva. Ogni volta è un viaggio: si forma un gruppo sempre diverso, i componenti trovano negli altri partecipanti dei compagni di esplorazioni, ciascuno scoprirà parti di sé che ora appaiono offuscate, ed assisterà a dei lavori unici. Capiterà di commuoversi, ridere, condividere, rimanere in silenzio, ascoltare, avvicinarsi, uscire sazi da ogni incontro. Ogni lab è un viaggio. Vuoi unirti al prossimo anche tu?